Bando per OdV e APS emergenza Covid-19

Lunedì 13 luglio 2020 la Giunta regionale dell'Emilia-Romagna ha approvato il Bando per l'erogazione di finanziamenti ad organizzazioni di volontariato o associazioni di promozione sociale impegnate nell'emergenza Covid-19, in base all'accordo di programma sottoscritto tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Emilia-Romagna ai sensi degli articoli 72 e 73 del D.Lgs. n.117/2017 (Codice del Terzo Settore):
 DPR n.857 del 13 luglio 2020 (pdf, 600.99 KB)

Vedi anche la pagina dedicata sul sito della Regione Emilia Romagna qui

Il CSV Emilia ha organizzato lo scorso 31 luglio un incontro di presentazione del bando. In allegato le slide.


Al bando possono accedere (cfr. paragrafo 5 ~ DESTINATARI):

  1. Le organizzazioni di volontariato iscritte da almeno un anno nel registro regionale di cui alla L.R. n.12/2005 e con almeno 30 soci aderenti
  2. Le associazioni di promozione sociale iscritte da almeno un anno nel registro regionale di cui alla L.R. n.34/2002 e con almeno 100 soci aderenti

  3. Le associazioni di promozione sociale con sede in regione Emilia-Romagna non iscritte nel registro regionale ma iscritte da almeno un anno nel registro nazionale di cui all'art.7 della Legge n.383/2000 in qualità di enti affiliati e con almeno 100 soci aderenti

I requisiti di iscrizione devono essere accertati alla data di approvazione del Bando (13 luglio 2020).


I fondi, di provenienza statale, assommano a 2.462.746,00 euro e sono stati programmati al fine del raggiungimento dei seguenti obiettivi tra quelli indicati dall'Agenda 2030 (cfr. paragrafo 2 ~ OBIETTIVI PRIORITARI DI INTERVENTO):
1) Porre fine ad ogni forma di povertà
10) Ridurre le ineguaglianze
11) Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili
13) Promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico


In ragione della particolare situazione venutasi a determinare a causa dell’emergenza Covid-2019, le risorse sono finalizzate a sostenere le attività svolte da OdV e APS con particolare riguardo alle realtà che gestiscono un presidio fisico sul territorio e attenzione alle seguenti attività specifiche (cfr. paragrafo 6 ~ INIZIATIVE FINANZIABILI):

  1. Interventi per rispondere ai bisogni fondamentali e alle esigenze straordinarie della popolazione e in particolare delle persone fragili, a seguito dell'emergenza creatasi sul territorio a causa del diffondersi del Covid-19
  2. Riavvio e mantenimento sul territorio delle iniziative culturali, sportive, ricreative, educative, etc.
  3. Prosecuzione attività dei centri sociali, aggregativi e ricreativi
  4. Attività estive rivolte a bambini e ragazzi nel rispetto del DPCM 11 giugno 2020
  5. Azioni di sostegno alle persone in condizione di fragilità e di svantaggio
  6. Promozione e sviluppo del recupero dei beni alimentari e non, a fini di solidarietà sociale
  7. Promozione di azioni per combattere il cambiamento climatico, per la tutela dell’ambiente e il benessere degli animali

Le attività dichiarate devono comunque essere coerenti con le finalità indicate nello statuto del soggetto richiedente e rientrare fra quelle di cui all'art. 5 del D.Lgs. n.117/2017.


I fondi sono ripartiti per provincia.
La somma provinciale è determinata per il 50% sulla base della popolazione residente e per il 50% sulla base delle APS e delle OdV iscritte al registro per quel territorio (cfr. paragrafo 4 ~ DEFINIZIONE DEI BUDGET PROVINCIALI):

  • Ambito provinciale di Bologna: budget pari a 557.841,97 euro
  • Ambito provinciale di Ferrara: budget pari a 191.154,04 euro
  • Ambito provinciale di Forlì-Cesena: budget pari a 235.095,76 euro
  • Ambito provinciale di Modena: budget pari a 415.632,43 euro
  • Ambito provinciale di Parma: budget pari a 253.933,93 euro
  • Ambito provinciale di Piacenza: budget pari a 153.817,49 euro
  • Ambito provinciale di Ravenna: budget pari a 222.639,72 euro
  • Ambito provinciale di Reggio Emilia: budget pari a 268.099,37 euro
  • Ambito provinciale di Rimini: budget pari a 164.531,31 euro


Sono ammesse le spese sostenute nel periodo dall'8 marzo 2020 al 31 agosto 2020 e delle seguenti tipologie (cfr. paragrafo 7 ~ TIPOLOGIA E AMMISSIBILITA' DELLE SPESE FINANZIABILI):

  • Gestione immobili, canoni di affitto, utenze, pulizie, piccole manutenzioni ordinarie strettamente necessarie allo svolgimento delle attività, etc.)
  • Igienizzazione / acquisto DPI / attuazione misure di contrasto alla diffusione del Covid-19
  • Acquisto di beni / attrezzature (entro un valore stabilito)
  • Acquisto beni di consumo e servizi
  • Spese di personale, rimborsi spese ai volontari

Non sono ammesse spese che già sono finanziate da altre leggi o provvedimenti nazionali, regionali e locali, o per le quali sia già stato ottenuto o richiesto contributo a valere su altre misure nazionali, regionali o comunali; né spese che non siano direttamente imputabili alle attività oggetto del presente avviso.

Il contributo minimo previsto è di 3.000,00 euro (al di sotto di tale cifra le domande non saranno ammesse).
Il contributo massimo, anche a fronte di spese ammissibili superiori, è di 5.000,00 euro.


La domanda deve essere presentata solo per via telematica, sottoscritta dal legale rappresentante e corredata della relativa documentazionedalle ore 10:00 del 3 agosto 2020 ed entro le ore 13:00 dell'11 settembre 2020, utilizzando il servizio on-line disponibile alla pagina web https://sociale.regione.emilia-romagna.it/terzo-settore/bandi/ , compilando la modulistica in ogni sua parte e corredandola degli allegati previsti. 

Per l’accesso al servizio on-line, è necessario dotarsi di un'identità digitale di persona fisica SPID o Federa. 
Alcune indicazioni utili su Federa e SPID (pdf, 488.01 KB)
- Per dubbi su Federa: consultare la pagina delle FAQ 
- Per dubbi su SPID, consultare la pagina web del Governo


Per informazioni e chiarimenti, è possibile rivolgersi a:
Mario Ansaloni
Simona Massaro
terzosettore@regione.emilia-romagna.it