L'incontro con Chiara Bersani su Buone Notizie

In allegato l'articolo di Tiziana Pisati su "Buone Notizie" del Corriere della Sera.

 

E' il momento conclusivo del progetto "Giovani e Volontariato in 3D" e il Teatro San Matteo è al gran completo: un centinaio di studenti è pronto a raccontare la propria esperienza di volontariato all'interno delle 17 associazioni accoglienti e Chiara Bersani artista e performer disabile - come si definisce con una precisazione interessante sull'uso dei termini accettabili e non accettabili - arriva puntuale per poter assistere alla manifestazione fin dai primi minuti.

Sul palco Raffaella Fontanesi, direttore del Centro di Servizio per il Volontariato di Piacenza, anticipa il programma della mattinata. Seguono i saluti di Laura Bocciarelli, presidente di Svep, che mette l'accento sulla funzione formativa del volontariato che è un "arricchimento e ci aiuta a diventare persone migliori". Chiude il momento introduttivo Giorgio Braghieri, presidente della Fondazione Opera Pia Alberoni, che spiega brevemente il senso di tutto il percorso di Dis-chiusure - di cui fa parte anche l'incontro con Chiara Bersani - legato alla presenza del violino di Kounellis nella nostra città e anticipa la possibilità di avere Liliana Segre ospite al Municipale il prossimo autunno.

E poi sono i ragazzi, autentici protagonisti della mattinata, a presentare i loro progetti di volontariato con scelte comunicative coerenti ed efficaci, come dirà poco dopo Chiara Bersani. Dall'albero degli studenti del Liceo Colombini coordinati da Chiara Remondini al rap dei ragazzi dell'ISII Marconi che hanno lavorato con Carlo Grassi fino alle testimonianze raccolte da un secondo gruppo del Liceo Colombini seguito da Ingrid Salinas. In particolare le classi che hanno partecipato al progetto "Giovani e Volontariato in 3D" edizione 2019 sono state:  3° ES B, 3° ES D, 3° ES  E del Liceo Colombini e 3° H dell’ISII Marconi. Con linguaggi differenti ma identica autenticità i ragazzi raccontano la loro esperienza, senza tacere le difficoltà e i dubbi degli inizi. E' interessante capire che ci sono stati momenti di perplessità ed esitazioni che si sono sciolte, poi, negli incontri all'interno dei vari progetti. Dai malati di Parkinson ai ragazzi con problemi di dipendenze, ai gruppi di auto - aiuto dei genitori de "La Ricerca" ai bambini degli oratori, tanti incontri significativi per i giovani studenti coinvolti. Numerose le realtà incrociate e narrate dai ragazzi: oltre a La Ricerca e la Caritas, anche l’Assofa, l’Unione Parkinsoniani,  Mondo Aperto, Fabbrica e Nuvole, gli Oratori della parrocchia di Sant’Antonio, di Mucinasso, la casa di riposo “Vittorio Emanuele”, il Gattile comunale di Piacenza, i centri aggregativi e il doposcuola della Cooperativa L’Arco.

Alcuni volontari si alternano sul palco per ringraziare e incoraggiare i ragazzi e anche la presidente di Svep Laura Bocciarelli desidera esprimere la propria soddisfazione per il positivo risultato dell'iniziativa.

Infine è il momento di Chiara Bersani che cattura il pubblico con un linguaggio chiaro e diretto; offendo numerosi spunti di riflessione: dall'uso delle parole che possono diventare persino violente - come nel caso dell'espressione "diversamente abili" che sembra voler sottolineare soprattutto una mancanza - alla necessità della competenza anche nello svolgimento di un impegno di volontariato: - Mi infastidisce quel volontario che pensa che la motivazione sia di per sé sufficiente, mi sembra di sentire una forma di compiacimento che non è bella e che io rifiuto .- E si sofferma anche sulla distinzione tra una prestazione professionale che deve essere adeguatamente retribuita e la libera scelta di mettere a disposizione la propria competenza per una causa che si ritiene valida. E poi parla della sua arte e stimola i giovani a "mettere delle bombe, a ribaltare le parole e i linguaggi". I ragazzi ascoltano attenti e pongono domande fino alla fine della mattinata.

In allegato le foto dell'incontro e alcuni materiali prodotti dagli studenti. Aquesto link il video della 3H informatica Isii Marconi https://youtu.be/5aZ6yFKZ9KM.

A questo link l'articolo di Micaela Ghisoni per piacenzasera.it

                                                            *******************************************

 

Mercoledì 8 maggio dalle ore 9,30 presso il Teatro San Matteo in Vicolo San Matteo 8 a Piacenza, SVEP invita all’evento finale del progetto “Giovani e Volontariato in 3D” che, in collaborazione con l’associazione “La Ricerca”, ha realizzato nel corso di questo anno scolastico nelle classi 3° ES B, 3° ES D, 3° ES  E del Liceo Colombini e nella classe 3° H dell’ISII Marconi.

 

 

Il progetto, giunto alla dodicesima edizione, è nato dall’esigenza di coinvolgere la scuola in un’azione di sensibilizzazione e costruzione nei giovani di una “cultura dell’impegno sociale”, attraverso percorsi finalizzati a stimolare una riflessione e un’analisi critica sul significato del volontariato e sulla sua valenza educativa.

L’evento sarà l’occasione per gli studenti coinvolti di presentare pubblicamente il lavoro svolto durante il percorso e di condividere l’esperienza fatta in alcune realtà associative di Piacenza.

Sarà ospite della mattinata Chiara Bersani, artista piacentina attiva negli ambiti delle arti visive e performative, vincitrice del premio UBU 2018 come Miglior Attrice Under 35, che incontrerà gli studenti per portar loro la sua testimonianza.