5 per mille: iscrizioni fino al 9 maggio

Circolare informativa per le Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro

5 per mille 2016: iscrizioni aperte fino al 9 maggio

Il contributo è stato reso stabile dalla legge 23/12/2014, n. 190. Le categorie di enti che possono accedere al beneficio, le modalità di iscrizione e i criteri di ammissione al riparto per le diverse tipologie di soggetti sono le stesse di quelle stabilite per il 2010.

Ai fini dell'ammissione al contributo del cinque per mille, gli enti aventi diritto devono presentare la domanda d'iscrizione e, successivamente, una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà.

Attenzione: chi vuole accedere al beneficio del 5 per mille di quest’anno deve, comunque, presentare la domanda anche se già inviata per gli anni precedenti.

Ecco le tappe principali con le relative tempistiche.

Entro il 9 maggio 2016: le Organizzazioni devono iscriversi nell'apposito elenco tenuto dall'Agenzia delle Entrate, inviando un'autodichiarazione del rappresentante legale dell'ente, che confermi il possesso dei requisiti soggettivi (per le OdV ad esempio, il requisito indispensabile è l'avvenuta iscrizione ai registri regionali) solo per via telematica per mezzo di intermediari abilitati o con accesso diretto dell'ente alle procedure Entratel o Fisconline.

Una prima versione dell’elenco dei soggetti che possono beneficiare del 5 per mille sarà pubblicato sul sito www.agenziaentrate.it dal 14 maggio.

Entro il 20 maggio, il rappresentante legale dell’ente o suo delegato può far correggere eventualierrori di iscrizione nell’elenco, rivolgendosi direttamente alla Direzione Regionale delle Entrate dicompetenza. L’elenco definitivo è pubblicato sullo stesso sito entro il 25 maggio.

Entro il 30 giugno 2016: il legale rappresentate deve presentare la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà all'Agenzia delle Entrate. Alla dichiarazione deve essere allegata copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del rappresentante legale che sottoscrive la dichiarazione. Gli enti di volontariato trasmettono la dichiarazione sostitutiva con le modalità indicate nella circolare n.13/E del 26 marzo 2014 ( con raccomandata a.r. o con la propria posta elettronica certificata).