#Diamociunamano

#Diamociunamo è un’iniziativa ministeriale rivolta a chi beneficia di una misura di sostegno al reddito, che incoraggia attività di volontariato di utilità sociale e che ha l’obiettivo di favorire l’acquisizione di nuove competenze utili non solo ad un reinserimento nel mondo del lavoro, ma anche alla propria comunità, valorizzando il coinvolgimento attivo della persona.

I soggetti beneficiari di misure di sostegno al reddito, infatti, possono essere invitati a rendersi disponibili, in forma volontaria, per essere coinvolti in attività di volontariato a fini di utilità sociale in favore della propria comunità, nell'ambito di progetti realizzati congiuntamente da organizzazioni di Terzo Settore e da Comuni o enti locali.

Il Decreto Legge 90/2014, convertito dalla Legge 114/2014, ha istituito un Fondo sperimentale di durata biennale, finalizzato a valorizzare le esperienze di volontariato di alcune tipologie di soggetti svantaggiati, momentaneamente non attivi sul mercato del lavoro. Nello specifico, il decreto individua le modalità di utilizzo del Fondo, stabilendo anche i requisiti soggettivi per poter beneficiare della copertura assicurativa attivata dall'Inail. In concreto, può accedere alla misura sperimentale chi beneficia di una delle seguenti prestazioni di sostegno al reddito:

  • cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria, anche in deroga alla vigente normativa;
  • integrazione salariale e contributo a seguito di stipula di contratti di solidarietà;
  • indennità di mobilità, anche in deroga alla vigente normativa, Aspi e mini-Aspi;
  • prestazioni, legate alla cessazione del rapporto di lavoro o alla sospensione o riduzione dell'attività lavorativa, anche a carico dei Fondi di solidarietà;
  • altre prestazioni di natura assistenziale finalizzate a rimuovere e superare condizioni di bisogno e di difficoltà della persona, erogate a livello nazionale e locale.

Il Fondo sperimentale provvederà a reintegrare l'INAIL dei costi legati agli obblighi assicurativi contro le malattie e gli infortuni. La copertura assicurativa è garantita nei limiti della disponibilità finanziaria e la sua attivazione avviene sulla base delle istruzioni fornite con la Circolare INAIL n.45/2015. Sull'homepage del portale istituzionale Inail è inserito il contatore che segnala l'importo residuo del Fondo messo a disposizione, consentendone l'aggiornamento costante.

 

I principali settori di intervento dei progetti sono i seguenti:

  • Accoglienza e inserimento sociale di soggetti svantaggiati e vulnerabili
  • Accompagnamento e assistenza sociale
  • Assistenza sanitaria e socio-sanitaria
  • Cultura, turismo e ricreazione
  • Educazione ed istruzione
  • Inclusione sociale e pari opportunità
  • Promozione della cittadinanza attiva e partecipata
  • Protezione civile
  • Protezione dell’ambiente
  • Sport
  • Sviluppo economico e coesione sociale
  • Tutela e protezione dei diritti e contrasto alle discriminazioni
  • Tutela e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale

 

L'iniziativa prosegue per il 2016 e il 2017, grazie alle risorse stanziate nella Legge di Stabilità 2016.

I Comuni o gli Enti Locali interessati a realizzare un progetto all’interno dell’iniziativa ministeriale #Diamociunamano possono contattare gli uffici di SVEP al numero 0523-306120 o all’indirizzo mail progettazione@svep.piacenza.it, per ricevere informazioni e consulenza in merito alla stesura dei progetti e al coinvolgimento delle Organizzazioni di Volontariato del territorio.