Parte a Piacenza il supporto degli ESP

Un aiuto a chi non vuole mollare: l’importanza dei volontari ESP oggi apre a Piacenza

Uscire da uno stato di debolezza, di disagio è possibile, e per aiutare quanti sono in difficoltà è nato il progetto ESP (Esperti in supporto tra pari) che si basa sul contributo di un gruppo di volontari preparati, accumunati dall’esperienza di una sofferenza psichica diretta da cui sono usciti, o un’esperienza di un proprio famigliare, o ancora di una persona molto vicina.

E’ così nato il primo Gruppo ESP PIACENZA, oggi composto da 15 persone di Piacenza e provincia, che ha frequentato il corso organizzato con la collaborazione fra il Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche della ASL di Piacenza, il CSV Emila- SVEP e l’Associazione di Promozione Sociale Aperta-mente. Il corso ha avuto una durata di 4 mesi, articolato su 12 incontri, presso la sede di Svep. Sono stati mesi in cui i partecipanti hanno imparato a fare rete e deciso consapevolmente di donare del loro tempo proprio perché credono nel recupero personale e di gruppo avendo vinto la paura o lo stigma del pregiudizio che lo stato di malattia / difficoltà porta con sè.

Il corso di formazione ha affrontato un ampio spettro di tematiche, tra cui l’attitudine all’ascolto e la conoscenza delle dinamiche dei servizi sul territorio, sviluppando il rispetto al lavoro svolto dai servizi. I servizi stessi oggi hanno appoggiato e richiesto ore di volontariato a integrazione del proprio lavoro. Nonostante il difficile momento dell’epidemia di Coronavirus il corso si è concluso con successo raggiungendo i propri obiettivi, da cui il motto “ESP nasce e non molla!”

Durante il corso il gruppo ESP ha preso conoscenza dei principali metodi di riabilitazione psichiatrica e di come instaurare una relazione con un paziente; ha potuto apprezzare l’importanza del processo di recovery, attraverso casi che si sono risolti con successo portando a un importante recupero di autostima da parte del paziente. 

I partecipanti hanno potuto entrare in contatto con realtà ESP regionali che da tempo operano sul territorio e ascoltare le testimonianze di come è stato possibile il recupero e la valorizzazione delle risorse personali che i pazienti avevano perso nelle fasi acute della loro malattia.

Il corso ha permesso ai partecipanti di acquisire molte informazioni utili, dalle norme di igiene a come trattare handicap e disabilità, e di approfondire la conoscenza dei centri diurni dipartimentali e molto, molto altro ancora.

Il gruppo nato a Piacenza, laico e apolitico, è aperto a Piacenza e hinterland intende sviluppare la propria attività anche in provincia in modo da creare una rete di volontariato diffusa ed efficace; per questo collaborerà con i servizi di zona promuovendo progetti di recupero sociale, di formazione lavoro per persone che vivono il disagio psichiatrico, o semplici momenti di socializzazioni a volte negati dagli schemi e dalla cultura della societa’ contemporanea. 

Gli ESP di Piacenza si riuniscono una volta alla settimana presso la sede di Apertamente, ben nota sul territorio per la sua lunga attività di auto-mutuo-aiuto.

 * I primi progetti del neo gruppo ESP riguardano la creazione di una “banca ore di volontariato” a disposizione delle attuali strutture e servizi.

* Il gruppo ESP offrirà sostegno valorizzando le capacità di chi sta uscendo da un momento di difficoltà … e non vuole mollare!

* Inoltre i volontari, ciascuno secondo i propri interessi, organizzeranno incontri di cinema, di arte, di teatro, di musica senza trascurare sport e hobby: saranno incontri per piccoli gruppi di pazienti e dei loro famigliari, sia in città che in provincia allo scopo di favorire la socializzazione.