Svep e progetti di alternanza scuola lavoro

Con la legge 107/2015, L'Alternanza Scuola Lavoro è divenuta obbligatoria per le scuole superiori, a partire dalle classi terze. 

La legge  prevede l’obbligatorietà di svolgere delle ore di alternanza scuola/lavoro (400 ore in tre anni per le classi degli istituti professionali e per le classi del tecnico e  200 ore in tre anni per i licei)  suddivise in attività formative ed esperienziali.  La finalità prevista è quella di motivare i ragazzi e di orientarli per far acquisire loro competenze.

Anche le attività di volontariato possono costituire un’occasione di arricchimento delle proprie abilità e capacità e fornire la possibilità di acquisire in contesti non formali delle competenze professionalizzanti trasversali, propedeutiche al mondo del lavoro e spendibili nella costruzione del proprio curriculum Vitae.


Svep ha già avviato in questo anno scolastico con alcune scuole superiori progetti di alternanza scuola-lavoro coinvolgendo le realtà di volontariato piacentine in quanto attori importanti per la produzione e la promozione di azioni di welfare territoriale.

Le proposte si articolano in tre fasi: una prima fase formativa, di approfondimento sul volontariato (inquadramento storico, sociologico e normativo, aspetti amministrativi, tecniche di comunicazione, ecc); una seconda fase di tipo esperienziale, che permetterà agli studenti di svolgere stage all’interno di associazioni e enti del terzo settore per sperimentare e sviluppare una serie di competenze trasversali (lavoro di gruppo, progettazione, comunicazione, competenze organizzative e informatiche, capacità di gestire lo stress...); una terza fase di rielaborazione del percorso fatto e di valutazione di sviluppi futuri.

Per approfondire la proposta di Svep alle scuole e il ruolo che possono avere le associazioni contattare la referente Silvia Balordi (0523 306120, formazione@svep.piacenza.it)