IL TEMPO PER COSTRUIRE

Il progetto “Il tempo per costruire” è frutto di un Bando Comunale che ha affidato al Terzo Settore un contributo finalizzato allo sviluppo di azioni di riqualificazione del quartiere Roma da realizzare entro giugno 2018.

La rete del presente progetto è costituita sia da associazioni che operano nel quartiere e che da tempo stanno lavorando insieme per rilanciare quest’area della città, partecipando attivamente agli incontri mensili del Tavolo del Terzo Settore, costituito nel 2016 sempre a seguito di un altro progetto vincitore di un Bando Comunale; sia da nuove realtà che, pur non operando principalmente nel quartiere, sono sensibili alle tematiche che l’area di trova ad affrontare e possono offrire un contributo significativo nell’attuazione degli obiettivi proposti nel progetto.

 

Fanno parte della rete:

  • S.V.E.P. Centro di Servizio per il Volontariato di Piacenza (Ente Capofila e promotore)

  • APS La fabbrica dei grilli – parole (Ente promotore)

  • Cooperativa Sociale L’Arco (Ente promotore)

  • Associazione di Volontariato Porta sul mondo – Centro migranti Scalabrini (Ente promotore)

  • Auser Circolo di Piacenza (Ente promotore)

  • ASD Trespass (Partner)

  • Gruppo Alpini Sezione di Piacenza (Partner)

  • Legambiente Circolo di Piacenza (Partner)

  • Scuola Alberoni (Partner)

  • ASD MiniSportLab (Partner)

  • Ass. Quartiere Roma Shopping Area (Partner)

  • Ass. Il Circolino (Partner)

 

Il presente progetto segue altri interventi di riqualifica del quartiere promossi dall’Amministrazione comunale e dal Terzo Settore e vuole raggiungere i seguenti obiettivi:

 

1. Favorire l’aggregazione e la riqualificazione urbana del quartiere Roma;

2. Favorire il protagonismo giovanile e la partecipazione diretta dei cittadini che risiedono e operano nel quartiere;

3. Favorire la coesione sociale e la sicurezza delle persone, anche attraverso l’attivazione di forme di sostegno e di controllo di vicinato;

4. Promuovere la pulizia e la cura del quartiere, con particolare attenzione ai giardini storici;

5. Promuovere interventi rivolti alle famiglie e agli adolescenti, in accordo con i servizi e i presidi socio-educativi presenti;

6. Mantenere un tavolo di confronto del Terzo Settore che lavora con e per il quartiere.

 

Per raggiungere questi obiettivi il progetto intende realizzare una serie di azioni che sono animate dallo spirito di promuovere un attivismo dei residenti del quartiere, partendo dalle competenze specifiche di ciascuna associazione, che si mette a disposizione per formare dei volontari che in loco possono mettere in atto le azioni previste nel progetto, anche al termine di quest’ultimo.

Fra le azioni maggiormente significative del progetto rientrano le iniziative di animazione di quartiere, durante le quali riappropriarsi degli spazi solitamente occupati dalle auto; la realizzazione di un corso rivolto ai giovani che frequentano il quartiere e a tutti i residenti interessati, per formare volontari che possono offrire un sostegno agli anziani del quartiere; la promozione della frequentazione dei giardini da parte di bambini e famiglie, aumentando le occasioni di incontro tra gli alunni della scuola Alberoni e i giardini, nonché la loro pulizia e il loro decoro; la presentazione ai proprietari dei negozi sfitti di proposte per migliorare il decoro delle vetrine.

 

IL PROGETTO SI E' CONCLUSO A GIUGNO 2018